LE MIE PRIME PIANTE AROMATICHE…

Allora diciamolo…quando compri le piantine aromatiche ti dovrebbero avvertire del fatto che creano dipendenza, qua ormai siamo a “AMORE O TU O LE PIANTE…LO SPAZIO E’ FINITO”…..

Scherzi a parte mi piacciono davvero tanto e finalmente ho preso le prime 4…di una lunga serie. Devo dire che è molto carino andare in terrazza e servirsi dalle proprie piantine prendendo un rametto qua e uno la per i vari manicaretti!

Ma veniamo a noi e alle mie scelte, quelle che per ora ho comprato sono: il rosmarino, la salvia, il basilico e il timo limonato. In pratica sono andata sul classico….ma con un tocco di eccentricità. Ho deciso di descrivervi  le loro caratteristiche e quando e come le uso, ma per non rendere l’articolo troppo lungo, oggi vi parlerò delle prime due.

IL ROSMARINO: a me solo il nome “rosmarino” già mi piace, ma tralasciando queste mie preferenze quasi patologiche, devo dire che questa piantina ha davvero un sacco di proprietà.

QUESTO RAMETTO HA ANCHE TANTISSIMI FIORI

PROPRIETA’:

  • Il rosmarino è un ottimo tonico generale; esercita sull’organismo un’azione stimolantefortificante. Agisce efficacemente negli stati di affaticamento fisico e mentale. E’ quindi indicato nei periodi di superlavoro o dopo una lunga malattia.
  • antispastico e antidolorifico.
  • antisettico, antiparassitario e antibatterico e svolge un’efficace azione preventiva anche in caso di malattie infettive
  • È un valido antinfiammatorio
  • inoltre ha un sacco di proprietà in ambito locomotorio, urinario, gastrointestinale e nervoso

Insomma…FACCIAMONE IL PIENO TUTTI!!!

In uso alimentare è ottimo abbinato a tutti i legumi (una minestra di fagioli senza rosmarino che minestra di fagioli è?), verdure, ma anche pesci e carni…e vi dirò che io lo uso anche in alcuni dolci per le sue proprietà aromatiche molto intense.

LA SALVIA: Anche la salvia la adoro, ho sempre pensato fosse un po’ sottovalutata e non ho mai capito perchè. Il nome salvia deriva da”salvus” che significa sano, per cui anche qua ci troviamo difronte ad una piantina con tantissime proprietà.

Anche in questo caso i fiori sono bellissimi

PROPRIETA’:

  • Ha una grande capacità antifiammatoria
  • Proprietà espettoranti
  • E’ digestiva e balsamica
  • E’ un ottimo aiuto in caso di dolori mestruali e combatte le caldane tipiche della menopausa
  • E’ utile per gengiviti e ascessi
  • Sbianca i denti (strofinarvi direttamente sul dente delle foglioline è davvero efficace)
  • Aiuta la memoria
  • E’ un cicatrizzante

In uso alimentare è adattissima con le verdure e si accompagna perfettamente alle patate, è un elemento base dei pizzoccheri (ve li ricordate?), ottima con i legumi, carni ed è stupenda con i fantastici tortelloni…ma vogliamo parlare della salvia fritta? Una roba da urlo!!!!!!

Non so voi, ma a me è venuta fame, per cui mi sa che vado a inventarmi qualcosa per cena…

Il nostro appuntamento è tra qualche giorno per parlarvi di basilico e timo limonato, nel frattempo vi ricordo che lo spazio commenti è sempre vostro…magari potreste raccontarmi le vostre ricettine con salvia e rosmarino.

Alla prossima

Baci

Laura

 

 

 

 

 

 

 

 

A chi piacciono le erbe aromatiche?

Ragazze e ragazzi è decisamente arrivato….vi chiederete che cosa? La primavera? Il caldo? I pollini che invadono il  mio naso? NOOOOOOO

E’ ARRIVATO IL MOMENTO DI COMPRARE LE ERBE AROMATICHE PER LA CASA NUOVAAAA.…e più esattamente per soppalcare casa a suon di erbe aromatiche considerando quanto mi piacciono e quanto io le utilizzi in cucina, per cui bando alle ciance questo articolo è solo introduttivo, a breve ho intenzione di iniziare a comprare le piantine di erbe aromatiche creando così una serie di articolini tutti dedicati al loro utilizzo in cucina, come mantenerle e magari scoprire insieme quali proprietà benefiche e curative abbiano….che dite VI INTERESSA?

Io mi auguro tanto di sì….nel frattempo vi segnalo che lo spazio commenti è tutto vostro in quanto mi piacerebbe sapere:

CHE PIANTE AROMATICHE MI CONSIGLIATE DI COMPRARE PER PRIME?

Attendo i vostri pareri spassionati….

see you soon

baci

Laura

Il mio migliore amico ZENZERO

Ragazzi e ragazze eccomi qua! No davvero non ci posso credere in questa mia frenetica vita ho trovato finalmente un po’ di tempo per me!! Mi rendo conto di quanto abbia voglia di scrivere articoli dalla velocità in cui le mie ditina scorrono sulle letterine della tastiera compiendo un sacco di errori ortografici e io, fregandomene, vado  avanti!

Casa nuova, e anche computer nuovo, ma comunque, Laura vecchia con la solita incapacità tecnologica, ma a noi checcefrega 😉 Questa poca capacità mi basta per parlarvi del mio migliore amico attuale…si immagino che molti di voi lo conoscano, ma magari vorrete saperne di più e io…sono qua per questo! Sto parlando dello ZENZERO. Per cui come al solito breve descrizione, poi proprietà ed infine l’uso che ne faccio io…BUONA LETTURA PARGOLI!

Lo zenzero è una pianta erbacea che trova la sua origine nell’estremo oriente

 Questa è la tavola botanica dello zenzero

Questo è che ciò che interessa a noi, cioè IL RIZOMA

Possiamo tranquillamente comprarci una radice di zenzero (anzi meglio dire rizoma), tenercelo in casa e utilizzarlo in davvero tanti modi, anche perchè sembra sia  la panacea di un sacco di problemini e problemucci.

Inizio subito col dirvi che il gusto è davvero accattivante, potremo volgarmente definirlo un limone più aromatico e dal retrogusto piccante.

Vediamo ora le sue innumerevoli proprietà:

  • ANTITUMORALE soprattutto si è rivelato attivo contro il carcinoma del colon-retto
  • ANTINAUSEA sia per il problema relativo alla gravidanza che ad esempio quella da gastroenterite
  • BENESSERE GENERALE DELLO STOMACO e qua ragazzi mamma mia è utile per un sacco di cose..ulcere, contro l’Helicobacter Pilori, gastrite, stimola la digestione, aiuta l’eliminazione di gas…
  • ANTINFLUENZALE risulta essere infatti un ottimo alleato per le difese immunitarie
  • ANTINFIAMMATORIO allevia infatti gli stati infiammatori a livello dello stomaco e dell’esofago, aiuta contro i dolori muscolari ed articolari e recenti studi lo trovano impiegato anche in neurologia contro il mal di testa
  • ALLEATO CARDIOVASCOLARE ed infine si è rivelato un ottimo anticoagulante, diminuisce la pressione arteriosa e abbassa i livelli di colesterolo nel sangue.

Insomma ci manca solo che mi svegli con dolcezza portandomi un croissant appena sveglia e poi mr zenzero ha davvero tutti i pregi dell’universo!

Concludiamo con una ricettina veloce che ci aiuta in questo inverno:

Grattuggiare un po’ di radice di zenzero in acqua e portare ad ebollizione, lasciar bollire qualche minuto ed infine spegnere il fuoco. Filtrare, versar il contenuto in una tazza con l’aggiunta di succo di limone e un cucchiaio di miele. Bere caldo

Allora io vi posso assicurare che è un ELISIR INVERNALE, mi ha bloccato un sacco di volte un’influenza sul nascere, un raffreddore appena comparso e anche un bel febbrone.

Che dire… vi ho convinti a provarlo?

Come sempre lo spazio commenti è tutto vostro…

Baci

Laura

Buon anno…

Un buon anno a chi ha cambiato casa…

un buon anno a chi ha cambiato lavoro…

Un buon anno a chi ha cominciato un nuovo percorso di vita….

Un buon anno a chi segue disperatamente le proprie passioni…

Un buon anno a chi “linguaccia mia fammi stare zitta ogni tanto….”

Un buon anno a chi crede nel futuro, ma è sempre li in bilico tra pessimismo e ottimismo…

e per una volta…un buon anno a me…che sono tutte queste categorie messe insieme e che ogni tanto ho proprio voglia di dirmi…brava laura

AUGURI A TUTTI…  

LAURA…

VERONICA…

 

 

 

Allarme Carne Rossa, da oggi tutti vegetariani….

Lo scorso 26 ottobre, lo IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) ha diramato lo studio sulla probabilità di sviluppo del cancro colonrettale derivante dal consumo di carne rossa e carne lavorata (qui potete trovare l’articolo http://www.iarc.fr/en/media-centre/pr/2015/pdfs/pr240_E.pdf).

Lo IARC afferma che la carne rossa, intesa come manzo, vitello, maiale, agnello, montone, cavallo e capra, sia probabilmente cancerogena per gli umani sulla base di un numero limitato di prove.

Per la carne lavorata invece, ossia trasformata attraverso salatura, indurimento, fermentazione, affumicatura o altri processi che ne aumentano il sapore e la conservazione, ci sono prove più sostanziali della sua cancerogenicità.

Dagli studi, sembra infatti che ogni 50 grammi di carne lavorata mangiata giornalmente possa aumentare del 18% il rischio di cancro colonrettale. Lo IARC specifica poi che il rischio derivante dal consumo di carne lavorata rimane basso, ma aumenta in base a quanta se ne mangia. Ricorda inoltre il valore nutritivo della carne ed i suoi benefici.

Questi i fatti…. poi ieri mio marito che lavora in una mensa ha detto che su 760 persone hanno servito solo 2 fette di carne rossa… e siamo già arrivati così alla fase di allarmismo, da oggi tutti vegetariani!!!

mangiare-carne

Questa ricerca non ha detto nulla di nuovo a mio parere, lo sapevamo già che la carne come qualsiasi altro cibo va assunto con moderazione! La nostra dieta dev’essere varia, bisognerebbe assumere almeno 3 volte a settimana pesce, 2 volte la carne, poi mangiare cereali, legumi e tanta frutta e verdura. Ripeto, lo sapevamo già! E se la carne rossa “non si può più mangiare” ci buttiamo sul pollo e tacchino? proprio loro che sono imbottiti di ormoni per farli crescere velocemente? allora scegliamo il pesce, ma pure quello con l’inquinamento del mare non si salva. Se no vai di cereali, ma no, sono ogm e pure la tanto amata soia. Ci resta solo frutta e verdura sperando che non abbia assorbito troppi insetticidi o modificazioni genetiche. D’aria non si vive neanche perchè c’è l’inquinamento, ci resta solo l’amore…speriamo!

Ho fatto questa esagerazione perchè non sopporto gli allarmismi di massa ignoranti, nel senso che non approfondiscono la questione, generalizzano il concetto e demonizzano una cosa perchè “mi han detto così”. Il problema non è tanto cosa mangi, ma quanto spesso lo mangi e soprattutto di che qualità è. E’ vero che la carne fa male se assunta tutti i giorni come spesso capita (dal prosciutto a colazione, alla pasta col ragù, alla bistecca la sera), ma perchè i ns nonni o bisnonni non avevano questa preoccupazione e non c’erano tutte queste intolleranze e allergie in passato? Sicuramente di carne ne avevano meno, ma io sono fermamente convinta che sia soprattutto perchè quella che mangiavano conteneva meno schifezze rispetto a oggi! E’ questo che ci sta rovinando la salute! E ricordo che le “schifezze” chimiche non sono solo nella carne, ma in tutto ciò che è lavorato.

Per cui, signori e signore, variate la vostra dieta e se potete scegliete cibi non lavorati, freschi, di stagione e di cui conoscete la vita dalla nascita al piatto. Chissà che finalmente non si ritorni ai cibi di qualità!

Veronica